Saltar al contenido
cucinareok

Ricetta della tagliata di manzo

Se siete amanti del buon cibo e soprattutto della carne, questo post vi piacerà. Vi sveleremo alcuni segreti su come cucinare uno dei pezzi di carne più richiesti: il filetto di vitello. Potrete gustare questo succulento piatto in qualsiasi momento e sarà al livello di quelli serviti da chef stellati Michelin. E soprattutto, senza uscire di casa.

Come ben sapete, il controfiletto è una delle parti più apprezzate della mucca per la sua succosità e morbidezza. È una carne molto versatile e può essere cucinata in vari modi, il più comune è alla griglia e al forno.

Grigliate
Se volete assaggiare un controfiletto alla griglia, ecco un trucco, perché se l’avete già provato in precedenza, avrete scoperto che la parte più difficile è far capire il punto. Non preoccupatevi, con questi consigli otterrete questo risultato senza che la carne perda la sua consistenza e il suo sapore succoso.

Prima di mettere la carne sulla piastra, assicurarsi che non sia né fredda né congelata, ma a temperatura ambiente.
Non c’è bisogno di oliare la griglia, basta dipingere i pezzi di carne in anticipo. Altrimenti, friggerete la carne. Il trucco per evitare che si attacchi a voi è quello di posizionare i filetti quando il piatto è molto caldo, in modo da evitare che si cucini.
Aggiungete il sale a metà cottura, giusto in tempo per insaporire con il calore, e mai prima di iniziare, perché in questo modo la carne perderà i suoi stessi succhi.
Come ottenere il punto?

Per ottenere il punto e sapere se la carne è pronta, la cosa migliore da fare è utilizzare un termometro specializzato con cui misurare la temperatura interna del pezzo.

E tenete a mente questo:

Per ottenere una carne molto rara, nota anche come punto rosso o punto inglese, sigillare ogni pezzo di carne all’esterno con un forte calore, lasciandolo crudo al centro.
Se lo preferite un po’ più fatto, dovete anche sigillare la carne all’esterno mettendo la griglia a temperatura molto alta un po’ più a lungo. Toglierlo quando si vede che il centro è rosso, ma non completamente crudo (freddo). In questo modo si conservano tutti i succhi della carne stessa.
Se vedere il sangue sul piatto non ti va bene, ti piace il controfiletto, almeno, “al punto”. Lo si raggiunge quando il centro è rosa e si tiene presente che in questo stato i succhi iniziano a perdersi.
Il punto di cottura si raggiunge quando la carne è ben cotta. Qui i succhi non sono più visibili e l’interno è già di una tonalità più scura.
Al forno
Se invece avete voglia di fare una ricetta per il controfiletto d’arrosto e qualcosa di più piccante, non dimenticate di legare la carne con uno spago speciale in modo che non si deformi durante la cottura.

Prima di arrostirlo, si consiglia di sigillarlo a fiamma alta in padella, con olio o burro, a seconda delle preferenze.

La temperatura per la tostatura di pezzi interi è di 180º. Per quanto riguarda il tempo che deve essere in forno, c’è una regola: 1 chilo di filetto di manzo o lombata alta per il roastbeef x 20 minuti di tempo di cottura. Per ogni 100 grammi in più di peso, viene lasciato in forno per altri 5 minuti.

Per esempio: se il vostro filetto di vitello pesa 1.200 grammi, il tempo sarebbe: 20 minuti per il chilo e 5 minuti in più per ogni 100 grammi. Cioè, 30 minuti.
Per controllare il tempo di cottura, ricordate di non abusare della carne al centro, perché potrebbe diventare secca.

Per evitare questo, si può dipingere il pezzo con un po’ di olio condito con erbe aromatiche (che lo aromatizzerà anche), e allo stesso tempo, dipingerlo con il succo che si sprigiona durante la cottura.

Hai frequentato il nostro breve corso di cucina? Ora è arrivato il momento di mettere in pratica ciò che avete imparato, e se siete amanti della carne e conoscete già questi trucchi, eccovi una ricetta di filetti con burro alle erbe.